17 Luglio 2019
[]

la storia
percorso: Home

la storia

La nostra Storia
La polisportiva “I’Giglio” nasce negli anni 50 da parte di un gruppo di sportivi castellani, tra i quali : Mori, Gilardetti, Armaioli, Taviani, Santini e tanti altri, con lo scopo di favorire la pratica sportiva tra i cittadini giovani e non. Ben presto vengono formate due squadre di Pallacanestro (una maschile e una femminile), una di Ciclismo e una di Atletica leggera. Nei seguenti anni ’60 l’attività principale è il Ciclismo.

Con il crescente “bisogno” di finanziamento, dovuto anche ai successi che ricopre sul territorio toscano, la Società assume così nuove denominazioni tipo: “Pedale Castellano”, “Alleanza Coop Valdelsa” e “Polisportiva Unicoop”. Gli atleti ciclisti del sodalizio castellano sono tra i più bravi della Provincia ed i successi che si susseguono, entusiasmano i cittadini e i nuovi Dirigenti: Bellini, Corbinelli, Ulivelli, Piazzini, Lupi, Bellocci e tanti altri ancora.

Si arriva agli anni ’70 dove si ha un’ ulteriore svolta organizzativa: oltre al Ciclismo e Cicloturismo, per volontà di appassionati risorge e si rafforza la Pallavolo, maschile e femminile, l’Atletica leggera, il Pattinaggio e l’Hokey. L’inserimento tra i Dirigenti di Di Stefano, Paggi, Corbinelli ed altri, dà un impulso notevole alla propaganda nello sport per tutti con grandi risultati tra i giovani. In questo decennio la Società si chiama “Polisportiva Castelfiorentino”.

Ma il vero sviluppo e crescita della Polisportiva si ha negli anni ’80, quando ancora una volta l’evolversi dell’Associazione con centinaia di soci, porta alla nascita dell’attuale Polisportiva I’Giglio, viene costituita regolarmente con atto notarile e iscritta all’Albo Provinciale delle Associazioni di Volontariato. Il suo “stemma” i giglio comunale della Città, vede centinaia di associati praticare attività sportiva e di svago.

L’organizzazione e le adesioni si allargano, nascono nuovi settori sportivi e si rinvigoriscono gli “antichi” come il basket, l’Atletica leggera, il Calcio, il Cicloturismo e la Ginnastica Artistica; il Karate e la Pallavolo. Sono anni di fermento, i nuovi Dirigenti, con alla Presidenza Franco Dori e coordinati, dall’infaticabili, Matteo Di Stefano, Renato Bellini, Lari, Moio, Pistoleri, Tomasulo, Dorangricchia e molti altri, che sono i Responsabili e curano i vari Settori, raggiungono lusinghieri consensi tra la popolazione castellana e non solo. Sono anni di riforme richieste dall’U.I.S.P. (Unione italiana sport per tutti) alla quale la Polisportiva I’Giglio aderisce da sempre, sono gli anni nei quali la polisportiva si rivolge non solo agli “atleti” ma anche al sociale, al culturale con azioni e manifestazioni “di avanguardia” per questi anni.

Ben presto, dai sette Settori sportivi a ricreativi iniziali, I’Giglio, ha uno “sviluppo” che porta ad essere un riferimento per i cittadini che guardano verso l’utilizzo sportivo del tempo libero come “cultura”, sarà l’inizio dell’impegno in attività associative e di solidarietà miranti a favorire nuove aggregazioni d’interesse, tra i cittadini, tra le più svariate. Sbocciano nuovi Settori che vengono associati alla Polisportiva e nuove discipline come l’Arrampicata Sportiva, l’attività subacquea, il Biliardo, le Bocce, il Bowling, la Mountain Bike, il Tennis.

Arrivano gli anni ’90 e la Polisportiva annovera centinaia di tesserati e associati, e con una base di 1400 soci è tra le più grandi della Toscana. Ma il vero consenso “popolare"lo assunse con la riconoscenza della partecipazione della cittadinanza e degli Amministratori Comunali con le iniziative ormai divenute storiche, come i ciclo raduni turistici annuali di “Bicincittà e di Bici alla Dogana” dove in bicicletta, partecipano diverse centinaia di persone e rivivere il gusto di stare sull’Elsa per vedere il passaggio di decine (150) “imbarcazioni” pittoresche, dove tutti vincevano e dove il ricavato andava in beneficenza.

Nasceva il Settore Ballo, che veniva organizzato nei mesi estivi, e da subito, diventava un centro di ritrovo sociale e per centinaia di appassionati di tutta la Valdelsa. Nasceva il Settore Trekking, che con le loro escursioni domenicali arrivarono subito ad avere più di 180 iscritti, coniugando il buon utilizzo del tempo libero con le nuove conoscenze dell’ Ambiente “camminare per conoscere”.

Da questo settore nel ’95 nasce l’organizzazione Festa Nazionale dell’Escursionismo – LA VIA FRANCIGENA IN VALDELSA, che si svolge in ottobre e che vede la partecipazione di centinaia di camminatori e non, giungere a Castelnuovo. Da un progetto del Settore Trekking, diventato il rappresentante toscano della F.I.E. (Federazione Italiana Escursionismo), nasce il ripristino e la segnalatura di 74 chilometri del tracciato della via Francigena da Castelfiorentino a Siena, lungo il quale i volontari del settore, hanno piazzato bacheche descrittive con notizie storiche e frecce in legno che indicano la direzione.

Nasce la collaborazione con la Provincia di Firenze e con il suo Assessorato all’Ambiente che vede il Settore Trekking partecipare al progetto “CAMMINARE NEL VERDE” rivolto alle scuole, e che lo vede impegnato in decine e decine di uscite con i bambini delle scuole elementari e medie della Valdelsa e di Firenze. In questi anni, la Pallavolo, cresciuta notevolmente, “prende il volo” dalla madre-Polisportiva, e inizia da sola mantenendo il nome I’Giglio, che le viene concesso dalla Polisportiva, la bellissima “avventura sportiva” che oggi la vede ai massimi vertici del successo.

Si intervallano nuovi Dirigenti, con la Presidenza di Alessio Latini e con un Consiglio Direttivo formato da: Renato Bellini, Stefano Cinci, Adriano Leoncini, Micol Scarselli, David Morresi e altri. In questi anni si costituiscono e aderiscono nuovi Settori, come il Calcio a 5, Pattinaggio, Controllo Ambientale, Tiro con l’Arco, Volo Libero, Yoga. Nei mesi estivi, come ormai da anni, continua l’attività nella zona sportiva del pattinaggio con l’apertura del piccolo bar, diventato ormai luogo di ritrovo per appassionati di sport e punto sociale di aggregazione anche per i cittadini.

In questi anni la Polisportiva I’Giglio ha molto sviluppato anche la parte sociale e solidaristica dell’associazione, partecipando a manifestazioni, non solo sportive, ma anche culturali e sociali come la collaborazione con il nostro Comune al progetto “ANCHE I GRANDI VANNO A SCUOLA” dove da anni la Polisportiva gestisce dei corsi sui seguenti temi: avvicinamento all’escursionismo, parchi ed aree protette, riconoscimento dei funghi, di astronomia, bridge, riconoscimento degli uccelli, alimentazione con le erbe, yoga, difesa personale – karate ecc.

Inoltre i settori di attività organizzano tutto l’anno corsi di Equitazione, Karate, Tennis, Ginnastica artistica e manifestazioni di solidarietà come il River Trophy, la Fiaccolata di Natale sulla via Francigena e altre iniziative a favore di EMERGENCY, dell’UNICEF, di INTERSOS, delle ADOZIONI A DISTANZA, del CENTRO DISABILI ecc.

Da molti anni delle manifestazioni vengono organizzate con la collaborazione di molte altre Associazioni castellane, di Castelnuovo, Empoli, Fucecchio ecc., in uno spirito di solidarietà e di associazionismo che ormai sul nostro territorio comunale è molto radicato (sono censite 90 associazioni in Castello) con le quali la Polisportiva intrattiene ottimi rapporti. Attualmente i settori di Attività sportiva e non sono: Arrampicata sportiva, Atletica leggera, Basket, Bocce, Calcio a 5, Ciclismo, Controllo ambientale, Equitazione, Ginnastica artistica, Karate, Kick-boxing, Pattinaggio, River trophy, Sub, Tennis, Tiro con l’arco, Trekking, Volo libero, Yoga.

Con oltre 700 iscritti tra atleti e soci tesserati (tra agonisti ed amatori) affiliata a 6 federazioni nazionali CONI e alla UISP, la Polisportiva “I’Giglio” è ormai un bene dei “cittadini dello sport” e di tutta la cittadinanza, tra le prime società in Toscana da sempre svolge un ruolo insostituibile, non solo nella pratica sportiva dilettantistica ma anche nel tessuto sociale, proponendosi come garante di valori a sostegno dell’associazionismo di base, ritenendo che “lo sport per tutti” deve avere pari dignità con lo sport di alto livello.

Il progetto “camminare per conoscere” propone: Itinerari, escursioni e percorsi che vi portano alla “ri…scoperta” di una “Toscana minore” che possiede un patrimonio paesaggistico vario e di inestimabile valore. Vi accompagneremo attraverso luoghi che non hanno degli uguali per storia e cultura, visitando antichi castelli, città scomparse, bellissime ville rinascimentali, pievi e antichi conventi che si trovano sull’antica Via Francigena.

siti web by www.ideositiweb.it